domenica 4 gennaio 2009

Bollette, tasse, ricevute: per quanti anni tenere i documenti

Almeno cinque anni prima di cestinare una multa. Altrettanti dovrebbero passare prima di riservare lo stesso trattamento a quelle ricevute che, ammassate in tanti fascicoli in un mobile dello studio, possono dimostrare l'avvenuto pagamento di una tassa. Tempi tecnici per evitare di pagare due volte la stessa contravvenzione, nel primo caso, o per scongiurare l'arrivo di cartelle di pagamento per tributi già pagati, le cosiddette «cartelle pazze». Ci sono documenti che, pur non soggetti a obbligo di conservazione, è comunque bene tenere nel cassetto: dal libretto di lavoro alle lettere di assunzione, di licenziamento o di dimissioni; dalle buste paga agli atti di matrimonio, di separazione e di divorzio, ai contratti di affitto registrati; dagli atti notarili di compravendita alle visure catastali dei terreni e dei fabbricati. E poi ancora i contributi previdenziali Inps o delle casse di previdenza, le sentenze di tribunale, perfino i risultati degli esami medici. fonte: il Sole 24 ORE

5 commenti:

  1. Tutto assolutamente vero!
    Ti auguro ogni bene per questo nuovo anno.
    Un abbraccio,
    Stefano

    RispondiElimina
  2. Un saluto e un sereno 2009 pure a te

    RispondiElimina
  3. Molto interessante questo post, grazie!
    Cinzia

    RispondiElimina
  4. Ciao Cinzia e....buona giornata!

    RispondiElimina

Volete lasciare un Vostro commento? Io Vi leggerò con piacere e con piacere risponderò, sennò che piacere è?

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.