lunedì 10 agosto 2009

Statali, per le donne oltre 30 mila pensioni in meno

Le prime “vittime” saranno 3.500: è questo il numero delle dipendenti pubbliche che nel 2010 dovranno rinviare la pensione per effetto delle nuove norme introdotte nel decreto anti-crisi, in ottemperanza alla sentenza della Corte di Giustizia europea. Le lavoratrici coinvolte saranno via via di più di anno in anno, fino ad arrivare a regime, nel 2018 a 8.500 l’anno. A quella data, l’Inpdap avrà erogato complessivamente 30.041 pensioni in meno, con una minore spesa cumulata di 2,4 miliardi. La gradualità è la via scelta dal governo per portare l’età della vecchiaia delle dipendenti pubbliche da 60 a 65 anni. L’incremento sarà di un anno ogni due fino al 2018. Il primo passo sarà fatto nel 2010, con l’asticella posta a quota 61, e coinvolgerà solo le donne che compiono 60 anni nel corso dell’anno e che non hanno abbastanza contributi per sfruttare l’altro canale di uscita, la pensione di anzianità; quelle che avranno già tagliato il traguardo dei 60 entro il 31 dicembre di quest’anno potranno invece continuare a sfruttare le vecchie regole e dunque lasciare il servizio quando vogliono: in realtà molte di loro continueranno a lavorare avendo fatto domanda in tal senso come consente loro la legge. Avranno invece una brutta sorpresa altre lavoratrici, quelle che hanno lasciato il servizio prima dei 60 anni, per motivi personali, e magari hanno continuato a versare contributi volontari in attesa dell’età della vecchiaia. Queste donne si vedranno spostare in avanti il traguardo. Ad esempio una dipendente che si sia dimessa lo scorso anno e che compia i 60 anni nel 2012, non potrà accedere alla pensione in quell’anno (perché il requisito sarà nel frattempo salito a 62) e dovrà attendere il 2015, quindi tre anni in più. La Camera ha approvato un ordine del giorno che chiede al governo di “salvare” queste persone, ma con il testo attuale della legge per loro non c’è niente da fare. fonte: Il Messaggero.it

7 commenti:

  1. Avevo letto le nuove norme mi spiace molto per Le Donne che entrano in questo contesto
    Ciao :((

    RispondiElimina
  2. Con questa legge hanno equiparato il lavoro pubblico a quello privato. Lo sbaglio l'avevano purtroppo fatto tanti anni fa, quando prima con 15 poi con 19 anni un dipendente pubblico poteva passare al pensionamento, mentre il privato doveva attendere 35 anni!!!
    (P.S.Io ho lavorato nel privato, non so se si era capito)
    Ciao! ~x( ~x(

    RispondiElimina
  3. Anchio ho lavorato nel privato per 40 anni
    Ciao :-o

    RispondiElimina
  4. Sei in pensione da poco allora? :| :|

    RispondiElimina
  5. Si la percepisco dal luglio 20007 ;)) ;))

    RispondiElimina
  6. E' mio fermo convincimento che quando andrò in pensione io la pensione non ci sarà più!!

    RispondiElimina
  7. Speriamo di si; ma il discorso delle pensione integrative si fa sempre più sentire!
    ~x(~x(

    RispondiElimina

Volete lasciare un Vostro commento? Io Vi leggerò con piacere e con piacere risponderò, sennò che piacere è?

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.