venerdì 6 agosto 2010

Storia di un tradimento

Di certo qualcosa il marito doveva aver intuito se, senza alcun indugio, si è precipitato nell'abitazione per regolare i conti con la moglie e il "rivale in amore". È finita a suon di botte e denunce una storia estiva con protagonisti lui, lei e l'altro. In un soleggiato pomeriggio il marito, imprenditore cinquantenne , riceve dalla moglie una chiamata sul suo cellulare. Una telefonata partita accidentalmente che, molto probabilmente, non ha fatto altro che confermare i suoi sospetti. Non si sa che cosa l'imprenditore abbia sentito, fatto sta che il cinquantenne si precipita a colpo sicuro in un'abitazione di proprietà, sfitta. Bussa alla porta. Ad aprire è la moglie quarantenne che si trova in compagnia di un avvocato sessantenne. I due non sono in atteggiamenti equivoci, ma il tentativo dell'avvocato di giustificare la sua presenza nell'abitazione vuota non ha convinto il marito imbufalito. L'uomo avrebbe detto di essersi incontrato con la donna per farle firmare dei documenti che riguardavano un incidente avuto dal marito. A quel punto il cinquantenne ha aggredito verbalmente il rivale, passando poi dalle minacce ai fatti. Ne è nata una colluttazione. Vista la brutta piega che aveva preso la situazione l'avvocato ha chiamato i carabinieri e sul posto è arrivata una pattuglia. L'avvocato però, dopo aver chiesto aiuto, ha cercato di allontanarsi dalla casa forse per non dover giustificare anche con i carabinieri la sua presenza lì. A quel punto il marito furioso, utilizzando un temperino multiuso, ha bucato una delle ruote della macchina dell'avvocato trattenendolo sul posto. Gli animi si sono calmati all'arrivo dei carabinieri e spontaneamente l'imprenditore ha consegnato il temperino. Il cinquantenne è stato denunciato per violenza privata e possesso di un oggetto che può essere utilizzato per ferire e danneggiare, ma non è escluso che anche il marito sporga denuncia contro l'avvocato per ingiurie. fonte: Il Gazzetino.it
raccomandazione: "in quei momenti", il telefonino va spento!

6 commenti:

  1. buongiorno Marina...sarebbe meglio se invece queste cose non accadessero!
    Baci lu

    RispondiElimina
  2. http://nel-faro.blogspot.com/2010/08/arrivederci-settembre.html

    RispondiElimina
  3. Ciao Lu, ma spesso accadono :)]

    RispondiElimina
  4. Guardiano ti aspettiamo a settembre, buone vacanze ;)

    RispondiElimina
  5. capita speso che dalla ragione si passi al torto.
    Come una storia sentita tanti anni fa, di questo signore che aveva inserito un antifurto a casa sua con collegamento alla corrente..............quando arrivò un ladro che fu gravemente ferito dopo aver tentato l'efrazione a casa di quel signore........il proprietario della casa si ritrovo con la denucia di agressione e danni fisici contro il ladro........che ti devo dire..in questi casi vince chi è "più veloce nei rifflessi".

    RispondiElimina
  6. Ciao Etoile, bella storia anch questa!! :D

    RispondiElimina

Volete lasciare un Vostro commento? Io Vi leggerò con piacere e con piacere risponderò, sennò che piacere è?

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.