giovedì 17 gennaio 2013

17 Gennaio - giornata dei dialetti

Giovedì 17 Gennaio si svolgerà in tutta Italia la Giornata nazionale del dialetto e delle lingue locali.  
"Salva il tuo dialetto  prima che scompaia"  è l'appello che ha lanciato l'Unione Nazionale Pro Loco d'Italia.

par aderir a sto apeo, nel me diaeto  ve auguro na bona giornada e ve meto sta bea fotografia che go scatà proprio ancuo. 
xe gradii i comenti nel vostro diaeto e se no i capiso ve domandarò ea tradusion, grassie!



22 commenti:

  1. Spero che tu accetti anche commenti non in dialetto.... Io non ho dialetto.... Ma mi piace leggere il tuo al punto che mi pare di sentir la voce.... Posso far presente che ho la "c" molto debole, da brava toscana, e che magari potrei scrivere
    "io un cihò dialetto..."
    Ma del resto, io non parlo così ^__^ ..
    Ciao Mary, un bacione.

    RispondiElimina
  2. Ven chi Mary che bevum un bon cafè :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. traduzione in veneto: vien qua Simo che bevemo un bon cafè :D
      Fa più freddo, alle 7, sette gradi sotto zero e non finisce qui....
      bacioni

      Elimina
  3. Paoletta la Toscana è la culla della lingua italiana....
    Un bacione a te!

    RispondiElimina
  4. Che bella questa immagine "ritoccata" giusto?
    E che bello sentir parlare in dialetto mi piace anche se purtroppo sta andando perso.
    Buona giornata amica mia e un bacione

    RispondiElimina
  5. Si, ho portato un po di colore sopra il bianco e nero...
    Pinuccia volevo sentire anche il tuo dialetto che è così bello...
    Si sta perdendo ed è per questo che hanno istituito questa giornata..
    Bacione

    RispondiElimina
  6. Bongiorno, come te sta? spero ben...anche qua xe fredo fredo e sul carso ga anca nevigà... Non so se go scrito giusto!!!!
    Ormai si sta perdendo anche il nostro dialetto, peccato.
    Bellissima la foto Mary...se vieni da me scrivi pure in dialetto... Buona Giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ale, si te ga scrito giusto....
      Siamo noi ad interrompere la storia del dialetto, ad esempio io a mio figlio ho sempre parlato in lingua e lui idem.... anche se con amici a volte l'ho sentito parlare un pochettino di dialetto, un vero peccato....
      Buona giornata

      Elimina
  7. E ci voli ogni tantu, ricurdari u dialettu!! Buona giornata!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello anche il tuo dialetto e pure comprensibile.
      Buona giornata Antonella

      Elimina
  8. Cara Mary! che bello sentire il mio dialetto! lo sai che lo ho quasi dimenticato!!!
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh Tomaso, dopo tutti questi anni all'estero parlerai quasi sempre il Tetesco di Germania....
      Buona giornata

      Elimina
  9. mi piacerebbe risponderi in dialetto...sai io lo parlo ma non so scriverlo!O_O
    Proviamo:
    foss nù peccat se si perdess a lingua rò dialett!
    Traduzione
    sarebbe un peccato perdere la lingua del dialetto
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' proprio un peccato perderlo....
      Un abbraccio Lu!

      Elimina
  10. Stupendissima questa foto. Il verde è talmente acceso che sembrano quasi lampadine. Buon pomeriggio Marina e un bacino very special for Y!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' la magia del fotoritocco Ele!
      Grazie e buona serata!

      Elimina
  11. Te me invitett a noz! El dialett l'è assolutament da preservà, l'è la nostra tradisiun e purtropp chi a Milan se sent parlà semper meno.
    Te saludi e te mandi un basin!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non solo a Milano Betty, un po' dappertutto!
      Buona serata

      Elimina
  12. Ciao Mary, no so dove che ti vivi, ma, visto (l)e to paro(l)e, penso che ti vivi nel Veneto. Pecà che no posso partecipar a l'avenimento perché podaria portar (l)a paro(l)a de un povero venexian che vive a l'estero.
    Un amichevole abbraccio.
    PS - La "l" è tra parentesi perché, come saprai non si pronuncia nel dialetto veneziano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Suea carta de identità xe scrito: nata a Venessia, ma vivo a Marghera da quando gavevo 13 ani, prima vivevo sul litoral de Cavain dove so nata! In campo S. Giovani e Paolo so 'ndada a scuoea......
      Bondì Elio!

      Elimina
  13. Mi piace leggere questi dialetti, li capisco anche se non proprio tutte le parole, ho amici veneti, mio padre era lombardo, cognato siciliano, io pugliese....ma non lo so parlare tanto il dialetto di Foggia nè scriverlo.
    Vorrei provarci.
    U dialet è bel ma io nun no saccio parlà e nu ver peccat.
    Mi scuso per chi è pugliese e magari non l'ho saputo scrivere.
    Baci baci
    Elsa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elsina, già noi lo stiamo perdendo, i nostri figli e i nostri nipoti purtroppo lo perderanno del tutto!!
      Buona giornata

      Elimina

Volete lasciare un Vostro commento? Io Vi leggerò con piacere e con piacere risponderò, sennò che piacere è?

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.