martedì 8 giugno 2010

Cartelli stradali “scaduti”

Proprio così: come la maionese e il latte, anche i cartelli stradali hanno una scadenza, alla quale si può risalire guardando il retro del segnale, dove è scritta la data in cui è stato piazzato. Per farsi un'idea: i segnali che obbligano a dare la precedenza e quelli che stabiliscono i limiti di velocità valgono per cinque anni. Poi devono essere sostituiti o tolti. La maggior parte dei cartelli sulle strade italiane è scaduta da almeno 10 anni. Alcuni hanno superato addirittura la trentina e sono ormai illeggibili. Altri sono stati sistemati nel corso di vecchi lavori stradali e non sono mai stati rimossi. A volte succede che le strade cambiano, i percorsi si modificano, ma i cartelli rimangono quelli di una volta. Con tanti saluti alla sicurezza. Serve un'anagrafe territoriale dei cartelli stradali: ogni comune dev'essere in grado di sapere quali cartelli sono stati piazzati e in quale anno.
fonte. La Repubblica.it

10 commenti:

  1. Questa proprio non la sapevamo....
    Hai sempre notizie molto interessanti!!!

    Buona giornata!
    Cri&Anna

    RispondiElimina
  2. Se ne sono ricordati...finalmente!
    Baci, Mary.

    RispondiElimina
  3. Ciao Cri&Anna
    buona giornata

    RispondiElimina
  4. Ciao Stella, buona giornata

    RispondiElimina
  5. che curiosa questa notizia!Baci lu

    RispondiElimina
  6. Non lo sapevo neanch'io Lu.
    Buona serata

    RispondiElimina
  7. Ciao Mary, sono arrivata qui dal blog di Lu..non sapevo questa cosa della scadenza dei segnali! A presto
    Carmen

    RispondiElimina
  8. Ciao Carmen, benvenuta!
    A rileggerti

    RispondiElimina
  9. http://bit.ly/NWhT94

    Buona lettura

    RispondiElimina
  10. Ringrazio per la precisazione di questo Comune!

    RispondiElimina

Volete lasciare un Vostro commento? Io Vi leggerò con piacere e con piacere risponderò, sennò che piacere è?

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.